PERCHÈ SCEGLIERE QUESTO MASTER

Il Disturbo dello Spettro dell’Autismo è una sindrome ad eziologia neurobiologica e che secondo le ultime stime del 2014 dell’agenzia governativa statunitense che opera all’interno del Dipartimento di Salute (Centers for Disease Control and Prevention – CDC) colpisce circa 1 bambino su 68 nati. Questi dati hanno mostrato un incremento 10 volte superiore negli ultimi 40 anni, rendendo gli autismi il gruppo più caratteristico dei Disturbi del Neurosviluppo. Il quadro clinico comprende la compromissione persistente nell’area della comunicazione sociale (sia del linguaggio verbale che non verbale) e nell’interazione sociale (ossia la capacità di entrare in relazione con gli altri) oltre che un deficit di immaginazione (ossia un pattern di comportamenti, interessi e attività ristretti).

I sintomi del disturbo sono in genere riconoscibili nel secondo anno di vita, ma possono essere osservati anche prima dei 12 mesi o, ancora, rendersi evidenti in età successiva; in ogni caso persistono per tutta la vita. Il termine “spettro” si riferisce alla variabilità sintomatologia del disturbo nonché al livello di compromissione dei processi psicologici, spesso associati ad una diagnosi di comorbidità. La diagnosi e il trattamento precoci risultano essere due aspetti fondamentali per una prognosi più favorevole. La famiglia, che rappresenta il primo – e più importante – luogo di crescita e di maturazione dell’individuo, nei confronti di un familiare nello Spettro Autistico deve tener conto delle sue peculiarità in modo tale da utilizzare uno stile educativo adeguato – coerente con l’approccio psicoeducativo cognitivo-comportamentale – e che favorisca una serena ed efficace comunicazione tra i componenti della famiglia.

Il Master si propone di guidare professionisti qualificati, quali laureati di secondo livello o con laurea magistrale in psicologia, pedagogia, scienze dell’educazione, medicina-neuropsichiatria e figure professionali della riabilitazione assimilate con laurea quinquennale, nella presa in carico di bambini, adolescenti e adulti con Disturbo dello Spettro dell’Autismo, dando attenzione al contesto di vita della persona con autismo (famiglia, scuola, lavoro, centri diurni e/o residenziali, etc).

STRUTTURA DEL PROGRAMMA

Modulo 1 - DINAMICHE DI GRUPPO. TEAM BUILDING E COMUNICAZIONE

Modulo 2 - L’AUTISMO: NOSOGRAFIA, CRITERI DIAGNOSTICI E COMORBIDITÀ; GLI ASPETTI PECULIARI DEL DISTURBO DELLO SPETTRO DELL’AUTISMO; DATI EPIDEMIOLOGICI

Modulo 3 - NORMATIVA DI SETTORE

Modulo 4 - IL PROCESSO TERAPEUTICO: L’IMPORTANZA DI UNA DIAGNOSI ED UN INTERVENTO PRECOCI

Modulo 5 - L’APPROCCIO COGNITIVO E COMPORTAMENTALE NEGLI AUTISMI: DTT, IT E NET, METODOLOGIE COGNITIVO-COMPORTAMENTALI APPLICATE NEL TRATTAMENTO DEL DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO E NELLA PRESA IN CARICO; GLI STRUMENTI E LE TECNICHE COGNITIVO-COMPORTAMENTALI

Modulo 6 - LA FAMIGLIA: IL TRATTAMENTO PSICOEDUCATIVO; L’IMPORTANZA DEL GIOCO, L’ATTENZIONE CONGIUNTA E L’IMITAZIONE; LA MOTIVAZIONE SOCIALE, LE COMPETENZE SOCIO-COMUNICATIVE E L’INTERAZIONE COOPERATIVA

Modulo 7 - LA SCUOLA: IL TRATTAMENTO PSICOEDUCATIVO IN ETÀ SCOLARE; STRUMENTI E STRATEGIE PER INTERAGIRE E COLLABORARE CON LA SCUOLA PER FAVORIRE L’ACCOGLIENZA CONSAPEVOLE E LA VALUTAZIONE DELLE ABILITÀ ACCADEMICHE (IL PDF E IL PEI, DIDATTICA INDIVIDUALIZZATA)

Modulo 8 - AGRICOLTURA SOCIALE: IL TRATTAMENTO PSICOEDUCATIVO SU EVIDANCE BASED NELL’AMBITO DEL GREEN CARE

Avvio MASTER: MAGGIO/GIUGNO 2019

 

Richiesta di informazioni per la partecipazione a corsi di Alta Formazione